Diffondiamo integralmente la replica del sindaco di Ascoli Satriano, Vincenzo Sarcone, in risposta alla lettera del professor Capriglione e alle accuse del M5S a riguardo del cambio di toponomastica di una via della città dei Grifoni.

Purtroppo a volte la voglia di attaccare questa maggioranza, per rancori reconditi, fa fare pessime figure a chi fino ad ieri ostentava conoscenze da tuttologo. A questi si aggiungono accoliti che, non comprendendo bene gli argomenti trattati, strumentalizzano tutto e tutti.

Ho letto l’articolo on-line (http://ilmegafono.eu/2018/07/06/ascoli-satriano-via-stingi-via-enzo-ferrari-m5s-studiosi-chiedono-dietrofront/) di oggi con il quale veniva riportato il pensiero del professore Capriglione circa l’inopportunità di intitolare una strada, diventata di recente via, ad Enzo Ferrari. Il Capriglione infatti, ritenendo che la strada in parola fosse la “Via Stingi”, dissertava sull’inopportunità di cambiare il nome.


Ebbene il professore Capriglione, per intenderci quello che ha pubblicato una lettera personale di un amico per metterlo in imbarazzo, avvezzo ad attaccare qualsiasi amministrazione che non lo consulti anticipatamente, questa volta è stato troppo precipitoso e ha commesso un errore eclatante. Non solo, ha dimostrato che gli sfugge la differenza tra strada, via e località (limiti del tuttologo). Ebbene facciamo chiarezza.

Con deliberazione di Giunta Municipale n. 79 del 21/08/2018, il Comune di Ascoli Satriano, in seguito all’ampliamento del perimetro urbano, ha voluto ridenominare la strada comunale n. 2 identificata, nel piano delle strade, come “Ascoli Satriano – Scalo Ferroviario”, con il nome di “via Enzo Ferrari”. Il professore, pensando che la nuova intitolazione venisse fatta alla strada denominata “Via Stingi”, ovvero alla Strada n. 5 che congiunge Ascoli Satriano con l’Ascoli -Ordona, sciorina una serie di erudizioni del tutto inconferenti.


Ma che gli ho fatto a questo professore? E gli altri accoliti i quali, nella fretta di strumentalizzare tutto e tutti, fanno proprio acriticamente gli errori degli altri? A me resta l’amarezza nel constatare come queste persone, non conoscendo il Piano delle Strade, confondono la Strada n. 5 denominata via Stingi, con la Strada n. 2, che attualmente è senza nome. Un po’ di umiltà a volte non guasta.

Vincenzo Sarcone
Sindaco di Ascoli Satriano

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO